Archivio fotorafico del mese
marzo 2016

Mentre mi recavo da Federico, (bella persona mentre le raccontavo tutto di me, la mia vita la sentiva sua ….), ripensavo all’epoca da ragazzo, vivevo senza uno scopo, alla giornata, spingevo tutto al limite, senza un obbiettivo, un traguardo, un premio ai miei incredibili sforzi … Molti amici di allora sono finiti male, altri malissimo, alcuni sono finiti e basta! Sembravamo un gruppo di avventurieri, che generalmente non sono mai avventurosi, ma solo avventori o avventati… Ed ora eccomi qua a buttare le “basi” su qualcosa di molto importante, anche se a qualcuno gireranno le “palle” io sono molto sereno! Chi l’avrebbe mai detto! Grazie Grazie Grazie

Era agosto! Decisi di farmi operare saltando le ferie, cosi’ facendo mantenevo il “sistema” senza che nessuno si accorgesse di niente, la convalescenza non fu facile!!! Ero ospite a casa di Nadia, stavo bene, non mi mancava niente! Letto perfetto, mangiare pronto, con il dvd di Carlo studiai parecchio, visite di Luca regolari, risate, a volte mi sembrava che mi scoppiassero le palle dal dolore, non andavo di corpo regolarmente, ma fin qui tutto bene, ma una cosa mi rugava … non ero libero di andare dove volevo! Facevo pochi metri mi dovevo sedere! Ricordo il giorno che riuscii ad andare nella piazza del paese da solo mi sentivo incredibilmente libero, avevo percosso pochi metri mi domandavo se ero diventato matto o cretino “nell’emozionarmi”. Telefonai subito a Nadia per condividere la mia emozione! Era un giorno di grande sole

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni